14 September, 2020

Tendinite ai peronei della caviglia: le cause, i sintomi più frequenti e i rimedi utili

LA PATOLOGIA

caviglia4La caviglia collega la gamba e il piede, comprende l’articolazione tibio-tarsica che è situata fra le due ossa della gamba (tibia e perone) e un osso del piede (astragalo); l’articolazione tibio-tarsica è rivestita dalla capsula articolare e all’interno contiene la membrana sinoviale che produce un liquido che permette alle ossa di scorrere l’una sull’altra. Le caviglie, oltre alle ossa, alla capsula articolare, ai legamenti, è composta anche da muscoli e tendini.

I tendini dei peronei sono posizionati dietro l’osso del perone, quindi sulla parte esterna della caviglia, e hanno il compito di gestire l’eversione del piede e cioè la sua rotazione verso l’esterno. I tendini sono due:

  • il tendine del muscolo peroneo breve;
  • il tendine del muscolo peroneo lungo.

A seguito di un abuso di carico (overuse) o di altre condizioni può manifestarsi la tendinite dei peronei che si infiammano provocando dolore, gonfiore e disagio nel paziente. In questo caso è necessario tenere la caviglia a riposo perché se si continua a sovraccaricare i tendini si può andare incontro ad uno strappo tendineo.

La tendinite ai peronei della caviglia è una patologia cronica che colpisce soprattutto gli sportivi e che si ripresenta durante i periodi di attività più intensa che precedono le gare e cioè quando si aumenta il carico sulla caviglia.

LE CAUSE

La tendinite ai peronei della caviglia si può manifestare a tutte le età a causa di:

  • allenamenti molto intensi;
  • allenamenti scorretti;
  • allenamenti in cui si aumenta troppo velocemente il carico;
  • utilizzo di calzature non adatte;
  • disturbi posturali;
  • varismo della caviglia;
  • distorsione della caviglia.

tendinite-peronei13jpg

I SINTOMI PIU’ FREQUENTI

La patologia si manifesta con una sintomatologia specifica:

  • dolore localizzato (parte esterna e parte posteriore della caviglia);tendinite-peronei4
  • fastidio quando si ruota la caviglia verso l’interno (inversione);
  • gonfiore;
  • debolezza quando si ruota la caviglia verso l’esterno (eversione);
  • difficoltà deambulatorie;
  • lieve zoppia;
  • lieve bruciore nella parte laterale del piede.

I RIMEDI

La tendinite ai peronei tende a guarire tenendo la caviglia a riposo, effettuando delle sedute di fisioterapia, assumendo farmaci specifici; solo nei casi in cui dopo un anno non si hanno dei miglioramenti o nel caso di lesioni importanti è necessario intervenire chirurgicamente. Seguono alcuni consigli utili:

  • frattura-quinto-metatarso3
  •  
  • utilizzare un tutore o una cavigliera per aiutare la caviglia nei movimenti di eversione;
  • sospendere l’attività fisica;
  • evitare di camminare il più possibile;
  • chi soffre di varismo può utilizzare dei plantari;
  • utilizzare scarpe adatte per ogni tipologia di suolo e di sport;
  • evitare movimenti bruschi;
  • assumere antinfiammatori nei periodi di dolore più intenso.

 

I PLANTARI E LE SOLETTE NOENE®

Dopo numerosi test, abbiamo rilevato come i plantari antishock Noene possano dare  sollievo a chi soffre di tendinite ai peronei della caviglia. La loro funzione di scarico, infatti, evita il propagarsi delle vibrazioni negative che si generano nell’impatto piede-suolo, mettendo così al riparo la caviglia. Medici, sportivi e persone comuni, hanno tratto benefici da questa straordinaria tecnologia. Molti di loro, grazie alla riduzione del dolore e delle sollecitazioni, sono riusciti a riprendere le attività sportive o, in alcuni casi, le normali attività quotidiane. Certo, alcune delle cause della tendinite, sono riferibili a situazioni diverse, come ad esempio il sovraccarico dell’arto, ma la funzione dei plantari antishock Noene® entra in gioco nel momento in cui si comincia a camminare. Infatti in ogni istante in cui il nostro corpo entra in contatto con una superficie, subisce degli shock e da qui nascono micro-traumi che, alla lunga, incidono sulla meccanico delle articolazioni provocando numerose patologie (ad esempio la tendinite ai peronei, la tendinite, la fascite plantare..).

Per questo, gli esperti consigliano l’utilizzo dei plantari e delle solette high-tech Noene, le quali con oltre 100mila test condotti sul campo hanno dimostrato tutta la loro efficacia.

È provato, infatti, che siano altamente efficaci nella protezione delle articolazioni e delle spalle, aiutando a prevenire l’insorgere di quelli che la comunità medica definisce Disturbi Muscolo-Scheletrici (DMS) da sovraccarico, di cui soffre oltre il 30% della popolazione.